Hybrid Theory

Hybrid Theory, album Linkin Park

24 ottobre 2000

Esattamente 20 anni fa viene pubblicato Hybrid Theory, l’album d’esordio dei Linkin Park che si presentano subito al grande pubblico con un vero e proprio capolavoro.

Un disco che ci ha fatto sognare fin da subito, diventando la colonna sonora di tantissimi video con protagonisti i Super Sayan della saga di Dragon Ball.

Pensate che le prime recensioni della rivista del Rolling Stones paragonano la band emergente ai Korn, definendolo un disco che riflette la frustrazione della vita.

La copertina dell’album sarà realizzata dallo stesso rapper Mike Shinoda che disegnerà un soldato con ali di libellula: un richiamo alla musica ibrida dei Linkin Park, la durezza dell’hard rock e allo stesso tempo la leggerezza dell’hip hop.

I temi dell’album sono tosti e duri come solo la vita può essere: la dipendenza da droga e alcol, le violenze sessuali e le infinite delusioni.

Esperienze che hanno forgiato una personalità meravigliosa come quella di Chester Charles Bennington che a proposito del primo album affermerà: “È facile perdersi nelle cose – pensando “povero, povero me”, ed è da questo che provengono canzoni come Crawling: non posso sopportare me stesso. Ma questa canzone tratta del prendersi le responsabilità delle proprie azioni. Tratta di come io stesso sono il motivo di ciò che provo. C’è qualcosa dentro di me che mi indebolisce”.

Hybrid Theory, le tracce

  1. Papercut – 3:05
  2. One Step Closer – 2:36
  3. With You – 3:23 (Linkin Park, The Dust Brothers)
  4. Points of Authority – 3:20
  5. Crawling – 3:29
  6. Runaway – 3:04 (Linkin Park, Mark Wakefield)
  7. By Myself – 3:10
  8. In the End – 3:36
  9. A Place for My Head – 3:05 (Linkin Park, Mark Wakefield, Dave Farrell)
  10. Forgotten – 3:15 (Linkin Park, Mark Wakefield, Dave Farrell)
  11. Cure for the Itch – 2:37
  12. Pushing Me Away – 3:12